Arrestati a Rimini per estorsione

PESCARA – Nella giornata di ieri, a seguito di laboriose indagini da parte della  Squadra Mobile di Pescara, in Rimini, personale di quella Squadra Mobile, in esecuzione dell’ordinanza applicativa della Misura della Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Tribunale di Pescara in data 4.11.2011, ha tratto in arresto PETINI Antonio, di anni 26, da Montesilvano (PE), di fatto senza dimora e MATEA Marcela, cittadina rumena di anni 49, in Italia senza fissa dimora, per estorsione e rapina, in concorso. Fatti occorsi in Pescara il 12,13 e 14 settembre 2011.I due ,approfittando della dipendenza dalla droga di una giovane di Pescara,  minacciavano di raccontare tutto ai genitori e nel giro di 10 giorni si erano fatti consegnare quasi 3mila euro.

Inoltre personale della Squadra Mobile a seguito di ordinanza di allontanamento dalla casa famigliare, emessa dal Tribunale di Pescara, ha eseguito l’allontanamento di Z.A., di 44, da Pescara, perchè ritenuto colpevole di maltrattamenti nei confronti della propria madre. Fatti occorsi nel mese di settembre 2011.

Nel pomeriggio di ieri, un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo, impegnato in servizi di controllo del territorio in questo centro ed in particolare dei quartieri c.d. a rischio, ha tratto in arresto per evasione dagli arresti domiciliari, BARDEGLINU Lussoria, di anni 58, da Pescara. Nel corso di un mirato servizio di controllo alle persone sottoposte alla misura della detenzione domiciliare, la donna non veniva trovata nella propria abitazione. La stessa, poco dopo, veniva rintracciata nella vicina Via Lago di Borgiano e, al termine degli atti di rito, ristretta nella locale camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida fissata per la mattinata odierna.