Area di risulta-centro storico: richiesta bus navetta a Gtm

Il collegamento notturno tra le due aree necessario per ovviare alla carenza di parcheggi, determinata dalla chiusura di quelli della golena sud causa lavori Anas.

PESCARA – L’amministrazione comunale ha avviato i contatti con la Gtm per chiedere l’istituzione di un bus navetta gratuito che potrebbe garantire i collegamenti notturni tra il parcheggio delle aree di risulta e le vie di Pescara vecchia,ovviando così alla carenza di parcheggi nella zona. Questo dunque sarebbe l’ultimo fine settimana di disagio per gli utenti, i fruitori, i residenti e gli operatori del centro storico di Pescara.E’ noto infatti  che attualmente non si può disporre dei parcheggi della golena sud in quanto essi sono chiusi alle auto per i lavori di riqualificazione straordinaria del ponte dell’asse attrezzato sovrastante lo stesso lungofiume. Per l’ultimo fine settimana di marzo, dunque per la Domenica delle Palme, si potranno  riaprire al transito e alla sosta delle vetture almeno le prime cinque campate della golena, dove sarà aumentato il numero dei posti auto disponibili grazie a un intervento effettuato dall’Anas stesso che determinerà lo spostamento verso il fiume del muretto di sicurezza.

Agli operatori dell’area è richiesto dunque un ultimo sacrificio, a ridosso del prossimo fine settimana, quando per fronteggiare l’emergenza l’amministrazione comunale suggerisce ancora ai fruitori di utilizzare le aree di sosta situate comunque a pochi passi dal centro storico.

L’assessore alla Mobilità Berardino Fiorilli dopo un ultimo vertice con l’Anas che sta effettuando i lavori di ripristino della golena sud ha ricordato:

L’amministrazione sta assicurando la propria massima attenzione nei confronti di una problematica difficile nata da un’emergenza, ossia dal cedimento di alcune parti in cemento armato del ponte e dei piloni dell’asse attrezzato, un evento imprevedibile che ha imposto ad Anas e Protezione civile la chiusura alle auto dell’intero parcheggio golenale e l’immediato avvio dei lavori di manutenzione straordinaria per assicurare la tutela dei fruitori dell’area.

Ovviamente tale chiusura ha inevitabilmente determinato un disagio agli stessi operatori e alla città intera, sottraendo circa 300 posti auto strategici e fondamentali per l’economia di quell’area. L’amministrazione comunale ha continuato a seguire in modo costante l’evolversi del cantiere che purtroppo ha avuto un ritmo incostante a causa delle cattive condizioni meteorologiche che comunque non hanno favorito la lavorazione del cemento.

L’impresa e l’Anas ci hanno però dato alcune garanzie: innanzitutto per il fine settimana della Domenica delle Palme potremo riaprire alle auto l’area sottostante i primi cinque piloni dove la manutenzione si sta ormai concludendo. Tale apertura significherà restituire alla città oltre un centinaio di posti auto proprio a ridosso delle scalette del Museo delle Genti d’Abruzzo.

Ha proseguito l’assessore:

Non solo : l’Anas, su richiesta del Comune, effettuerà lo spostamento verso il fiume del muretto di protezione, consentendoci di recuperare ulteriori stalli di sosta. Tale disposizione restituirà ossigeno all’area; nel frattempo l’amministrazione comunale ha già preso contatti con la Gtm per chiedere l’istituzione di un bus navetta gratuito che invece potrebbe entrare in azione già dal fine settimana del 19 marzo e che garantirebbe il collegamento notturno tra il parcheggio delle aree di risulta e Pescara vecchia, per trasportare comodamente coloro che approfitteranno della disponibilità di quell’area immensa per lasciare la propria auto e poi raggiungere il centro storico sul mezzo pubblico.

Ai fruitori, ai residenti e agli operatori del centro storico chiediamo dunque un ultimo sacrificio per il fine settimana che prenderà il via domani. Nell’attesa di riuscire a istituire i nuovi servizi, chiediamo di approfittare della disponibilità, comunque a pochi passi dal centro storico, dei parcheggi esistenti sulla golena nord, o in via del Concilio, via Ostuni, via Bologna e via Avezzano, ossia tutt’attorno al Comune. Nel frattempo l’amministrazione comunale manterrà desta la propria attenzione per garantire il rispetto degli impegni assunti.