Andria-Giulianova 1-0: svanisce il terzo miracolo consecutivo, si spera nel ripescaggio

ANDRIA – Termina dopo un solo anno l’avventura del Giulianova in prima divisione. Al Degli Ulivi infatti non si è concretizzato il terzo miracolo consecutivo (dopo le due salvezze nei play-out con il Sora nel 2002/03 e nel 2004/05) e così la seconda divisione è diventata dura e amara realtà.

Ma d’altronde c’è poco da rimpiangere dopo un girone di ritorno disastroso, culminato con l’ultimo posto sul campo e che solo le vicissitudini del Potenza avevano contribuito a trasformare in play-out.

Bitetto per questa gara preferisce riproporre il 5-3-2 dell’andata con Schneider nuovamente in panchina. Papagni opta per il solito 4-4-2 a gestione del risultato dell’andata.

Ilprimo tempo si conclude sullo 0-0 e le occasioni più pericolose le crea l’Andria: al 9′ Anaclerio spedisce di testa di poco fuori, mentre Sy al 37′  manda la palla a sfiorare il palo. Nel Giulianova da ricordare un tiro di poco a lato di Vinetot (12′) ed un conclusione bloccata con difficoltà da Spadavecchia al 24′.

Nella ripresa con l’ingresso dell’esterno di sinistra Doumbià l’Andria prova a schiacciare il Giulianova nella sua trequarti: al 15′ Paolucci insidia Dazzi con una conclusione alta. Al 16′ il gol che decide l’incontro e la salvezza: assist al bacio di Chiaretti per Sy che non sbaglia, portando i suoi in vantaggio. A quel punto Bitetto, senza più nulla da perdere, inserisce Schneider, Bebeto e Del Grande, ma la manovra giuliese non ne trae giovamento. L’unica conclusione nello specchio della porta è una punizione di Schneider parata facilmente da Spadavecchia.

Poi tra stanchezza, umore sotto i tacchi ed il gioco spesso spezzettato, il Giulianova non crea più nulla, chiudendo il suo campionato in 10 uomini complice l’espulsione per doppia ammonizione di Garaffoni, capitano e simbolo del Giulianova.

Con il triplice fischio di Ostinelli di Como si conclude l’avventura in prima divisione del Giulianova. Ora fondamentale sarà riprogrammare il futuro, continuando con la politica dei giovani, ma affiancando loro gente più esperta (l’unico over 25 era Garaffoni, mentre il resto della rosa andava dai 17 ai 24 anni) per meglio affrontare i momenti di difficoltà. Per molti di loro (Vinetot, Migliore su tutti) questa sarà stata l’ultima gara con la maglia giallorossa. Comincia a circolare la voce di un ripescaggio per il prossimo anno, ma pensiamo che i tifosi giallorossi, se ripescaggio sarà, non vogliano patire le sofferenze di quest’anno. Altrimenti si ricomincerà come 3 anni fa dalla seconda divisione.

TABELLINO:

ANDRIA: Spadavecchia, Pierotti, Di Simone(cap.), Pomante, Sibilano, Iennaco, Rizzi(25st Ceppitelli), Paolucci, Anaclerio (10st Doumbia), Sy, Chiaretti(43st Dionigi). ALL. Papagni
in panchina: Locatelli, Doumbia, Ceppitelli, Nicolao, Dionigi, Milella, Sangare

GIULIANOVA: Dazzi, Pucello(30st Del Grande), Migliore, Vinetot, Garaffoni(cap.), Sosi, Censori(18st Shneider ), Carratta, Carbonaro, Croce(30st Bebeto), Campagnacci. ALL. Bitetto
in panchina: Gasparri, Faragalli, Lieti, Del Grande, Mariani, Schneider, Bebeto

Marcatori: 16st Sy

Arbitro: Ostinelli di Como – Assistenti: Cucchiarini di Città di Castello, Costanzo di Orvieto – Quarto Uomo: Bagalini di Fermo

Ammoniti: Anaclerio (Andria), Garaffoni, Croce, Garaffoni(Giulianova)

Angoli: Andria 2, Giulianova 5

Minuti di recupero: 1 minuto nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa.