Al via l’anno europeo dello Sport a San Giovanni Teatino: domenica si parte con il tiro con l’arco

 Il “Trofeo Topolino” regionale inaugura le manifestazioni legate al titolo di “Cittadina Europea dello Sport 2013” solennemente riconosciuto alla cittadina dall’ACES

SAN GIOVANNI TEATINO (CH) – Domani, 3 marzo, a partire dalle 9.30 presso la palestra comunale di largo Wojtyla inizieranno le manifestazioni legate al titolo di “Cittadina Europea dello Sport 2013” conseguito da San Giovanni Teatino e solennemente riconosciuto a Bruxelles lo scorso 7 novembre dall’Associazione delle Città Europee dello Sport (Aces): il primo dei dodici appuntamenti principali previsti dal calendario interessa gli appassionati del tiro con l’arco, sport molto praticato in città e che alle ultime Olimpiadi ha regalato all’Italia numerose gioie.Si svolgerà a San Giovanni Teatino il “Trofeo Topolino” regionale, che vedrà sfidarsi circa trenta arcieri “in erba”, dai 9 ai 14 anni, provenienti da tutti gli angoli d’Abruzzo: unico il girone, ogni concorrente avrà a disposizione otto turni di tiro per raggiungere il punteggio più alto possibile ed aggiudicarsi il campionato. La premiazione finale, dove tutti avranno un riconoscimento da portare a casa, ci sarà alle 13.00.«Siamo orgogliosi – ha dichiarato il sindaco, Luciano Marinucci – di dare l’avvio alle manifestazioni legate ad un titolo che abbiamo fortemente voluto e che significa per la nostra comunità una visibilità internazionale che ci darà la possibilità di essere riconosciuti universalmente non più come cittadina di centri commerciali e zone industriali, ma come centro di sport, che è essenziale per la formazione e l’educazione dei futuri cittadini. Il titolo di Cittadina Europea dello Sport, infatti, ha senso se esso viene utilizzato per avvicinare ancor di più i giovani ai valori dello sport ed è quello che abbiamo fatto con il programma 2013 degli eventi, concordati con le singole realtà sportive del paese».
«Molti degli eventi in calendario – ha spiegato l’assessore allo Sport, Paolo Cacciagrano – avranno i ragazzi e gli studenti come destinatari e protagonisti, perché siamo convinti che il loro protagonismo sia centrale per la nostra idea di sport, pienamente sposata dall’Aces, che ci ha più volte additati come esempio di capacità di coniugare la presenza di impianti sportivi all’avanguardia e la vivacità di tante società sportive che crescono i tanti nostri giovani educandoli al confronto e alla lealtà.Il 22 marzo prossimo inaugureremo anche ufficialmente il nostro “anno europeo dello Sport”, ma intanto l’evento di domenica rappresenta una gustosa anteprima anche per conoscere da vicino una disciplina poco nota al grande pubblico»