Ad Ortona debutta il Coro Lirico d’Abruzzo

Al Teatro “F.P.Tosti”  il 16 marzo 2013 sarà diretto dal maestro Pasquale Veleno

ORTONA (CH) – Il  Coro Lirico d’Abruzzo, costituitosi Associazione Culturale Musicale in data 4 Ottobre 2012, coro che si distingue dagli altri già esistenti in Regione poiché composto esclusivamente da oltre 36-40 cantanti lirici professionisti, molti dei quali di comprovata attività artistica ultradecennale, corale e solistica, debutterà sabato 16 marzo 2013, alle ore 21,00 presso il Teatro “F.P.Tosti” di Ortona , sotto la direzione del maestro Pasquale Veleno, con un programma dedicato al vasto repertorio operistico di Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto Parma 10 ottobre 1813 – Milano 27 gennaio 1901) per onorarne la memoria nella ricorrenza del Bicentenario della nascita.La scelta del repertorio verdiano vuole essere un momento celebrativo di uno dei più grandi compositori del XIX secolo che ha rappresentato il mondo musicale italiano e ancora lo rappresenta nel mondo.
Il Coro Lirico d’Abruzzo è stato fondato da un gruppo di professionisti del bel canto. Ne è presidente Linda Ferrari (soprano) di Guardiagrele; vice presidente Giorgio Iacovelli (tenore); segretaria, Gabriella Di Peppe (soprano); tesoriere, Gianna Cabriolu (mezzosoprano); consiglieri: Paola Incani (mezzosoprano), Christian Maragliano (tenore), Alessandro Spadano (basso), Alberto Martinelli (tenore). Il Coro ha scelto per la direzione del concerto inaugurale il maestro Pasquale Veleno dalla lunga esperienza quale direttore d’orchestra, direttore di cori lirici e polifonici e di importanti formazioni musicali in varie parti d’Italia.Il repertorio verdiano vuole essere un punto di partenza significativo del Coro Lirico d’Abruzzo, che si propone al pubblico con un impegnativo progetto di rilancio della musica lirica in una regione che pur vanta storiche tradizioni nel settore nei suoi Teatri: Marrucino di Chieti, Comunale dell’Aquila, di Teramo, di Atri, Vasto, Atessa, Sulmona e così via.Un appuntamento da non perdere per gli appassionati del genere operistico che potranno ricrearsi con le arie e i brani di opere che appartengono al comune patrimonio culturale e musicale di tutti.