A Pescara Vivicittà 2015

presentazione-di-vivicittàDomani la trentaduesima edizione della manifestazione che si svolgerà in contemporanea con 42 città italiane e 18 estere. Diretta su Radio Rai

PESCARA – Domenica 12 aprile si svolgerà la trentaduesima edizione della manifestazione podistica Vivicittà 2015 promossa dalla Uisp con il patrocinio del Comune di Pescara e in collaborazione con l’A.D.S. vini Fantini. La doppia maratona professionistica prenderà il via su un perimetro di 6 km all’interno della città, in cui si snoderanno i giri del percorso dalle ore 9 alle ore 13.
Diverse le novità in cantiere fra cui alcuni gemellaggi solidali con associazioni di volontariato che si occuperanno del ristoro e della sensibilizzazione di atleti e partecipanti a tematiche salutiste. Alla conferenza stampa ieri  sono intervenuti i Vertici Uisp e gli organizzatori, l’assessore allo Sport Giuliano Diodati, il presidente e vice presidente della Commissione Consiliare Sport Adamo Scurti, le associazioni Lilt, Le tradizioni e Vitanova che porteranno avanti progetti solidali, il motore dell’evento è Alberico Di Cecco.

Vivicittà 2015“Vogliamo che sia una grande festa che quest’anno sposa a livello nazionale una causa solidale – spiega Di Cecco – che è quella di realizzare spazi per il tempo libero dei bambini Palestinesi all’interno dei campi profughi. Il messaggio sulla sostenibilità è quello in favore di una raccolta differenziata capace di decollare. Lo sport sarà veicolo di tutto questo. Le iscrizioni sono ancora aperte, il numero partecipanti non è ancora a 1500, la cifra è di 7 euro per vivere l’evento e partecipare ai suoi progetti”.

“Si tratta di una manifestazione consolidata e di cui andiamo fieri – aggiunge Umberto Capozzucco a capo della Uisp – Invitiamo tutta la cittadinanza a essere dei nostri e a sposare le cause regalando attraverso l’intrattenimento un sorriso a chi non può averlo. Affiancano la manifestazione anche delle cause locali di solidarietà, la collaborazione con le associazioni di volontariato e il carcere sono novità belle importanti da consolidare per le manifestazioni venture”.

“Ringrazio tutti gli attori che hanno fatto da motore alla manifestazione – dice l’assessore allo Sport Giuliano Diodati – dalle associazioni ma anche alle strutture comunali e alla Polizia Municipale che veglierà sul percorso perché tutto avvenga nella maniera meno problematica possibile. La comunicazione, proprio per non cogliere nessuno impreparato, è partita da tempo, sarà un’invasione del centro che durerà tre ore e per cui chiederemo non solo la collaborazione della cittadinanza affinché partecipi, ma anche affinché affronti i relativi “disagi” che ci saranno per consentire le corse degli atleti con la consueta buona disposizione all’evento”.

“La polizia municipale farà quanto serve perché tutto si svolga tranquillamente – così il comandante Carlo Maggitti – saremo presenti e pronti a presidiare una manifestazione che è sempre andata bene. Chiediamo sì la collaborazione della cittadinanza affinché ciò avvenga al meglio, siamo disseminati lungo tutto il percorso per venire incontro alle esigenze e alle emergenze di tutti”.

“Un percorso che unisce l’azione sportiva con quella solidale – aggiunge il presidente della Commissione Sport Adamo Scurti – una parte del ricavato andrà ai bimbi palestinesi e la collaborazione con le associazioni per il ristoro di partecipanti e atleti è un bel coinvolgimento del territorio”. “Ci auguriamo che anche sulla sensibilizzazione alla raccolta differenziata la gente possa fare la sua parte – così la vice presidente Tiziana Di Giampietro – perché lo sport è un ottimo veicolo anche della promozione ambientale”.

“Un gemellaggio che ci coinvolge – aggiunge il professor Marco Lombardo per la Lilt – saremo presenti per fare prevenzione e formazione anche su atleti in un cammino che arriverà a un evento finale, un congresso che si terrà a settembre”. “Rappresentiamo un impegno sociale dentro il carcere di Pescara – così Renato Cadderi dell’associazione Le Tradizioni – e grazie al lavoro che da anni facciamo con i detenuti, faremo conoscere meglio le “mandorle atterrate” che vengono fatte dentro il laboratorio della casa circondariale e che sono ottime per chi fa sport”. “Per il rinfresco e le vettovaglie lungo il percorso provvederemo in modo naturale – aggiunge Giacomo Iachini di Vitanova – I nostri fornai sono al lavoro per fare sia dolci che salati, oltre che pane e olio, crostate, segni di un progetto culturale condiviso con la casa circondariale e che va di pari passo con lo stile di vita dell’atleta e della comunità locale”.
Riconfermato il percorso dello scorso anno, la partenza è stata fissata in pieno centro, l’arrivo è previsto in Piazza della Rinascita dopo aver effettuato due giri del percorso: via N. Fabrizi – via Gobetti – via Paolucci – imbocco bretella Asse Attrezzato in senso contrario di marcia per scavalcamento fiume – pzza della Marina – viale Papa Giovanni XXIII percorso in andata e ritorno fino alla prima rotonda che determina un giro di boa – attraversamento Ponte del Mare – vle Matteotti – via muzii – v.le Regina Margherita.

La direzione tecnica è affidata all’ A.S.D. VINI Fantini, il ristoro sarà preparato dai detenuti della Casa circondariale di Pescara grazie all’apporto di VITA NOVA e le cooperative sociali che operano all’interno della struttura.