A L’Aquila in scena il Risorgimento con “Garabalda fa farata”

La Compagnia La garabalda4botte e il cilindro di Sassari invita i ragazzi  a Teatro per giocare con la storia

L’AQUILA – Lo spettacolo Garabalda fa farata prodotto da La botte e il cilindro di Sassari sarà in tournée in Abruzzo dal 10 al 14 marzo nell’ambito delle stagioni A teatro con mamma e papà e A teatro con la scuola organizzate da L’Uovo Teatro Stabile di Innovazione in collaborazione con le amministrazioni comunali.

Scrive Enrico Pau su “La Nuova Sardegna”: «In primo piano nello spettacolo di Sante Maurizi – che Daniela Cossiga interpreta con freschezza, con una sapiente scelta di ritmo e velocità di esecuzione delle canzoni ultra famose – ci sono i momenti topici, l’idea della libertà che il Risorgimento fece rinascere in un popolo oppresso, Giuseppe Verdi che di quel bisogno di libertà scrisse la colonna sonora e ovviamente Garibaldi, il vero divo di quegli anni, con tutto il suo glamour e la sua dose di incoscienza, di coraggio e anche, alla fine, di senso comune».

Come spiegano gli autori, lo spettacolo è una sorta di grande gioco dell’oca che percorre i decenni dell’epopea unitaria. Garibaldi, Vittorio Emanuele, Cavour, Mazzini e Verdi rivivono attraverso giochi, animazioni sul grande schermo e canzoni. Come La battaglia di Magenta o la filastrocca che dà il titolo allo spettacolo, cantata sulla fanfara dei bersaglieri che popolarmente divenne Garibaldi fu ferito: è la dimensione ludica a guidare lo spettacolo. Il “gioco dell’oca del Risorgimento” parte dalle vie e dalle piazze d’Italia: quei nomi e monumenti che abitano da 150 anni le nostre città e ai quali quasi non facciamo più caso. “Libertà”, “carbonari”, “patrioti” sono alcune delle parole-chiave dello spettacolo. Trova spazio anche l’immenso repertorio di immagini prodotte in quei lontani decenni: grazie all’interazione di Daniela Cossiga con le proieziogarabalda2ni sullo schermo gigante, le immagini di battaglie e personaggi coinvolgono il pubblico nell’essere parte della storia. Con la convinzione che sia ancora possibile appassionare ad essa.

«La natura di questo spettacolo- conclude Pau- è in fondo quella di giocare con la storia, senza prendersi troppo sul serio e standosene lontani dal fuoco della pedanteria. In questo senso sono perfettamente funzionali le belle ed eleganti animazioni che appaiono sul grande schermo ideate da Sante Maurizi con la collaborazione di Gabriele Desogus».

Garabalda fa farata andrà in scena al Ridotto del Teatro Comunale dell’Aquila domenica 10 marzo alle ore 17.00 e nei giorni a seguire sarà replicato per gli alunni delle scuole primarie di Atri, Città Sant’Angelo e L’Aquila.

Per ulteriori informazioni si possono chiamare i numeri 0862.1960851 e 349.1504259.