“Tutta un’altra storia”: questa sera Domenico Turchi e Frate Mago chiuduno la rassegna con il Cabaret

MARTINSICURO (TE) – Ultima serata con il Cabaret presso la “Vecchia Lampada” di Martinsicuro. Questa sera in programma per la rassegna, “Cena con Cabaret”,  lo spettacolo di Domenico Turchi e a sorpresa direttamente nel nord dello stato africano del Benin, Frate Mago.

La rassegna cabarettistica ha visto protagonisti cabarettisti provenienti da tutta Italia, è stata un’occasione unica, non solo per approfondire la conoscenza dei big della comicità italiana e degustare le specialità culinarie che hanno reso noto sul territorio il ristorante “La Vecchia Lampada”, ma anche per sperimentare la “convivialità organizzata”, che ormai da tempo il Cocalo’s Club con i suoi numerosi partner, promuovono.

Questa settimana il festival della comicità, chiude in bellezza presentando al pubblico l’ultima accoppiata vincente, dopo la lunga sequela di personaggi già consacrati nel mondo dello spettacolo, che hanno portato sul palco della rassegna il meglio del loro repertorio fatto di caricature, satira e ironia. Domenico Turchi l’”antropologo” e Frate Mago il “prestigiatore” insieme sul palco della “Vecchia Lampada” per l’ultimo appuntamento col buon umore, della stagione.

Domenico Turchi: Comico Antropologo, l’unica cosa che gli interessa è esprimere e ricostruire l’identità di una classe, quella contadina, che scompare (o è già scomparsa). Con lo spettacolo Noi della bassa si è aggiudicato nel 1998 il concorso nazionale “Cabaret amore mio” di Grottammare (il Sanremo del cabaret) ed è approdato a RAITRE, nelle 12 puntate della trasmissione satirica “Gnu”. Appena diplomato, Domenico Turchi ha lavorato per un’industria chimica di Pescara; poi, nell’84 molla l’impiego e torna a vivere in contrada Valloni a Gessopalena (Chieti), in campagna e ad allevare conigli assieme alla moglie. Con i suoi spettacoli di cabaret etnico Domenico Turchi riesce a “far pareggiare i conti”, descrivendo con minuziosa ironia i personaggi “tipici” del suo paese. In un mondo frenetico dove tutto è standardizzato, lui riesce a cogliere il particolare, e con ironia scherza su come eravamo e, forse, su come dovremmo ancora essere.

Frate Mago: lo abbiamo visto al Maurizio Costanzo Show, a Domenica In, ma anche sulle copertine delle scatole dei giochi di magia. Padre Gianfranco Priori è ormai diventato per tutti “Frate Mago”. Ha 45 anni, ha celebrato la sua prima messa a 25, vive a Recanati, nel convento dei Frati Cappuccini, e da circa15 anni fa anche spettacoli. “Ho coniugato sempre nella mia vita l’aspetto del sacerdote che anima, e fa camminare oltre le speranze, con la nobile arte di giocare, di divertirsi e far pensare nel sorriso”.
Il risultato finale di “Cena con Cabaret” è ancora una volta, una serata al “alto tasso di comicità” garantita dagli ospiti, cabarettisti dall’inimitabile ironia e dal cortese umorismo. La dimensione cabarettistica si intreccia grazie ad i protagonisti, con quella magica e “satirica-antropologica”, assicurando una serata speciale, ricca di ilarità. Assolutamente da non perdere.
Il menù alla carta come ogni settimana, proporrà i piatti cult e le specialità della Vecchia Lampada, con un l’aggiunta di 5 euro per lo spettacolo di varietà, ed una riduzione sul prezzo complessivo del 10% per i membri del Cocalo’s club.